• +39 0957806502
  • info@santuariotrecastagni.it

Le Campane

Le campane rappresentano la voce sonora della chiesa nel suo dialogo con i fedeli, ora per chiamarli a raccolta nelle manifestazioni di culto collettive, ora per far sentire la sua voce nei momenti di solitudine, di sconforto o di gioia; con il loro suono o a lenti rintocchi o festoso o addirittura oggi sinfonico, come un coro di voci diverse e strumenti, suscitano emozioni e sentimenti, anche contrastanti, negli individui e nelle moltitudini stesse, e il campanile è divenuto il simbolo della comunità e del legame che ne tiene uniti i componenti.
Nel bronzo si fissano date e ricordi che il tempo non potrà cancellare.
E’ del 12 agosto del 1713 la prima campana dedicata alla madonna. Il 25 aprile 1824 viene fusa la campana maggiore, dedicata a S. Alfio, della quale il Bonanno scrive: “si costrusse la campana grande della chiesa dei tre Santi, essendo amministratore di essa il rev.mo can. Alfio Zappalà e Coco; i Pedaresi vi contribuirono alquanto di denaro” ed è stata fusa nello stesso piano antistante alla chiesa. Essa porta la scritta: BEATO ALPHIO ARDENTIBUS VOTIS CURRITE TURMATIM FERTIS QUI DONA QUOTANNIS PLENISQUE MANIBUS (Al beato Alfio con vive preghiere correte in massa voi che portate ogni anno doni a piene mani).
Il suo robusto rimbombo nel maggio odoroso era richiamo di festa e gioioso sollievo per i contadini sparsi nella campagna, ormai vivo soltanto nel ricordo degli anziani.
Nel settembre del 1861 il dott. Carmelo Coco, Trecastagnese, donava la campana detta di Santo Stefano, fusa in Giarre da Mariano Arcidiacono e figli. La campana del 1713, intitolata alla Madonna delle Grazie, fu rifusa a cura dell’Amministrazione nel 1887; Le due campanelle dell’orologio, dal caratteristico suono squillante, sono del 1905, opera della ditta Berigozzi di Milano.
Tutte però, ad esclusione della maggiore, andarono rotte e nel 1952, nella ricorrenza cioè XVII centenario del martirio dei Santi, furono rifuse a cura e spese dell’Amministrazione presieduta dal parroco Sac. Salvatore Romeo, con le seguenti caratteristiche, dediche e istruzioni.

2° campana, kg. 500 – iscrizione: Fusa a cura dell’Amministrazione nel XVII centenario dei SS. Alfio, Filadelfo e Cirino – 1952; dedicata alla Madonna.
3° campana, kg. 250 – iscrizione: Fusa a cura dell’Amministrazione nel XVII centenario del martirio dei SS. Fratelli – 1952; dedicata a Santo Stefano; immagini: S. Giuseppe, Crocifisso, S. Nicola e SS. Martiri.
4° campana, kg. 150 – dedicata agli Angeli; iscrizione: SS. Alfio, Filadelfo e Cirino pregate per noi; Rifusa nel 1952; Immagini; SS. Martiri e Madonna;
5° campana, kg. 110 – dedicata agli Angeli; iscrizione: SS. Alfio, Filadelfo e Cirino pregate per noi; Rifusa nel 1952; Immagini; SS. Martiri e Crocifisso.