• +39 0957806502
  • info@santuariotrecastagni.it

Chiesa Sant’Antonio di Padova

La Chiesa di Sant’Antonio di Padova fu edificata nel 1660 per volontà di Scipione II Di Giovanni, principe di Trecastagni. A pianta rettangolare, è composta da una sola navata con affreschi ad opera di Giovanni Lo Coco nella volta e sulle pareti. Le pareti sono interrotte da sei archi, tre per lato, riccamente decorati ad affreschi, che danno vita a sei nicchie. Nella prima nicchia di destra un’altare di marmo di stile ottocentesco con sopra una tela nella quale è incastonata una statua lignea dell’Immacolata del ‘700, di fronte un’altro altare che racchiude una tela con Santa Rita.

Sullo sfondo dell’altare maggiore una grande opera lignea che fa da cornice ad una splendida Madonna col bambino con ai piedi S. Francesco e Santa Chiara. Sulla parete laterale di destra il monumentale sepolcro in preziose tarsie di marmo con mezzobusto del principe Domenico di Giovanni, figlio di Scipione.

Dando le spalle all’altare, si possono osservare le vestigia della cantoria e un pregevole coro ligneo. Sul lato destro del vestibolo, si apre l’ingresso di una cripta funeraria, di ampie dimensioni, absidata, dove si possono osservare delle nicchie funerarie verticali, dove, presumibilmente trovavano sepoltura i monaci del convento.

L’annesso convento dei padri francescani fu fondato insieme alla Chiesa, secondo le linee dei conventi francescani. Si compone di un grande fabbricato con un chiostro circondato da 21 pilastri litici con al centro una grandiosa cisterna.  Sulla porta del convento uno stemma in marmo dei principi di Giovanni.